La nuora mignotta seduce il suocero

Quando Erica ha conosciuto mio figlio Ivan, sono stato immediatamente contento della loro relazione. Ivan è un bravo ragazzo, riservato, a modo e con una sensibilità superiore alla media, un tipo a posto dunque che, però, per completare la propria maturazione aveva bisogno di una ragazza veloce di comprendonio e disponibile a svezzare il mio ragazzo.
Ivan infatti ha preso da mia moglie Carla, sensibile riservata ma anche un po demodee.
Io invece da ragazzo ero molto discolo ed ho avuto innumerevoli storie ma dopo essermi sposato non ho mai tradito mia mogle.
Erica è di statura media, con lunghi capelli castani e bellissimi occhi verdi.
Ha un fisico forgiato da estenuanti sedute in palestra e quando gira per strada certo non passa inosservata anche perché il suo modo di vestire lascia ben poco all’immaginazione.
Dopo che si sono sposati Ivan e Erica sono venuti a vivere da noi, sono entrambi precari e sognano di potersi comprare una casa e, per poterlo fare ritengono assolutamente necessario risparmiare i soldi dell’affitto.
Che sia chiaro, io ho capito subito che mia nuora era un bel peperino e che non gli stavo completamente indifferente.
Erica veste come detto in maniera a volte sfacciata ma quando eravamo soli a casa arrivava a girare anche in reggiseno e mutandine. Lei si giustificava dicendo che si sentita come una figlia e non c’era quindi nulla di male.
Io ho resistito per due anni. Però ho 52 anni e lei ne ha 27 e quando ieri sera ha fatto quello che mi accingo a raccontare proprio non ce lo fatta.
Stavo guardando la televisione in salotto, mia moglie Carla era molto stanca ed era andata a letto subito dopo cena e quel fessacchiotto di mio figlio Ivan era andato come ogni mercoledi a giocare a calcetto.
Erica dopo cena era andata in camera sua a farsi una doccia e verso le 22 si presenta con una vestaglietta bianca completamente trasparente. Sotto non ha nulla e la sua pelle liscia ed abbronzata mi fa perdere la testa. Faccio comunque finta di niente.
Lei si sdraia sul divano dove sono seduto e la vestaglia si apre scoprendo la sua fica totalmente rasata. Il suo piedino si poggia sul mio uccello e comincia a strusciarsi.
Con la mano le allontano il piede e la guardo con severità ma il mio sguardo le sarà sembrato o finto o non convinto ed infatti ritorna alla carica ma stavolta il piede è sostituito dalla mano. Mi accarezza ed accarezza ed io non ce la faccio più e la faccio vigliaccamente fare. Quando il mio cazzo strasborda lei abbassa delicatamente la cerniera e china la testa prendendomi l’uccello in bocca. Lo bacia, lo succhia, lecca il mio glande, poi abbassa pantaloni e mutande e mordicchia le mie palle.
Io sto impazzendo e lei coglie al volo il mio cedimento, si mette a cavalcioni su di me e inizia a muoversi scuotendo la testa da una parte all’altra. Mi sta scopando ed io sono totalmente in sua balia. Mia nuora è una vera mignotta ed io sono uno stronzo ma come si fa a resistere se una gnocca straripante si comporta così. Vorrei vergogarmi ma non riesco ad essere anche falso, mia nuora mi ha scopato ed io ho goduto come mai mi era successo.

Autore: Biagio B.

About admin